Cerca
  • alugli

Mercati gas non turbati dai piani Sauditi

(ref. Anes Alic)

Per una commodity che attraversa uno dei peggiori crolli di sempre, si potrebbe pensare che una grande compagnia petrolifera che ne porti di più in un mercato già lungo provocherebbe ogni tipo di panico.

Con una produzione di 10,3 milioni di b / g di petrolio, la Saudi Aramco è di gran lunga la più grande compagnia energetica del mondo, responsabile di pompare da sola il 10% della fornitura mondiale di greggio.

Ecco perché la notizia che l'Arabia Saudita - una nazione ben nota per le sue guerre dei prezzi dell'energia - ha appena lanciato il più grande sviluppo di gas di scisto al di fuori degli Stati Uniti dovrebbe essere inquietante per il mercato del gas naturale gravemente depresso. Solo che non lo è.

Comprensibilmente, i mercati si sentono stanchi del crollo dei prezzi del gas naturale di quasi il 40% nell'ultimo anno. È probabilmente una delle ragioni per cui lo spettro di un'altra sovrabbondanza di approvvigionamento ha suscitato solo una reazione silenziosa.

le motivazioni sono sostanzialmente 2:

- la produzione, se tale sarà, sarà per la gran parte assorbita dal consumo interno sia per soddisfare la crescente domanda di energia sia per la necessaria transizione oil-to-gas richiesta dalla volontà "green" del Regno.

- gli accordi commerciali che l'Arabia sta costruendo con il Qatar sembrano impedire una sanguinosa e costosa guerra dei prezzi anche sul fronte natural gas.

8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Perchè l'Europa disperatamente priva di gas non compra LNG? by Bloomberg|Anna Shiryaevskaya| - 20 settembre 2021 Un aumento record dei prezzi del gas naturale in Europa non significa che sia diventato

EIA in totale stato confusionale, Dopo aver chiesto ai grandi paesi industriali di forzare le politiche ambientaliste per raggiungere il mitico risultato di "CO2 zero emission", ora prega i paesi prod

Emirati e Regno Saudita a caccia di capitali e progetti per diversificare i propri investimenti dal settore oil&gas e preparare una possibile transizione energetica nei prossimi 50 anni. Possibile? Po